Montepaschi e il Piano Isacco

Dicembre 30, 2020 - Tempo di lettura: ~1 minuto

Il 2020 è un anno triste per Banca Mps. Non avviene se non di brutto. Lo stato vorrebbe cedere la banca a Unicredit, Unicredit non vuole (perché sa che ci rimetterebbe).

La prospettiva allarma i politici toscani per il banal motivo che comporterebbe una ristrutturazione delle sedi direzionali a Siena e Firenze. Una perdita non tanto di posti di lavoro (in banca ancora non si licenzia, si prepensiona semmai, oppure si trasferisce) quanto di potere decisionale e indotto per l'economia locale.

Proprio al fine di difendere il territorio, la Fondazione Mps (una volta possedeva la maggioranza di Banca Mps, oggi una inezia) ha da tempo presentato richiesta risarcimento per circa 4 miliardi.

Con l'obiettivo di farseli dare liquidi? Certo che no, una cifra del genere è fuori portata. Piuttosto con l'obiettivo di farsi ricevere un giorno di fine dicembre da Gualtieri e illustrargli una possibile transazione:

tu Mef ci dai la tua quota del 64% azioni banca (valore 650 milioni) e noi Fondazione Mps ci si contenta e si ritira la richiesta risarcimento

Fonti dei servizi segreti (facebook) informano che questa prospettiva ha addirittura un nome evocativo: Piano Isacco.

Chissà nelle segrete stanze che avrà detto Gualtieri, come avrà considerato questa possibilità.

www.gazzettadisiena.it/il-futuro-di-mps-sono-giorni-decisivi/


Piano strategico Mps

Dicembre 17, 2020 - Tempo di lettura: ~1 minuto

Risultato del CDA odierno. Aumento di capitale 2/2,5 mld (un po' poco?). Capital plan BCE entro prox gennaio. Previsione CET1 12% e ritorno all'utile 2023. Riduzionre di circa 500 dipendenti all'anno nel periodo 2021/25.

"Sostanziale mantenimento dell’attuale modello operativo e dell’infrastruttura tecnologica al fine di non porre vincoli ad ipotesi aggregative" (?)

"Iniziative industriali e cantieri implementativi per creare rapidamente valore" (!)

E poi tre indirizzi strategici: clientela tradizionale, semplificare l'organizzazione, più bilancio e gestione rischi.

What about?

https://www.gruppomps.it/media-e-news/comunicati/cs-17-12-2020.html


Tre condizioni tre per Mps con Unicredit

Dicembre 1, 2020 - Tempo di lettura: ~1 minuto

Mps una sintesi dal quotidiano punto della situazione su www.startmag.it :

  1. Aumento di capitale: per quale importo? 2,5 miliardi di qualche giorno fa, oppure 4,5 di oggi? I miliardi non sono noccioline!

  2. Questo fantastico termine "paracadute rischi legali" un esperto legale di buon cuore mi spiega come dovrebbe funzionare: lo stato non può certo fare una legge che contraddice il diritto ai risarcimenti. Forse il paracadute significa "paga un altro al posto di Mps"? Se qualcuno me lo spiega, grazie.

  3. L'invenzione alchemica delle Dta (soldi non ti si danno, ti si fa paga' di meno): a valere su tutte le banche ma di particolare interesse appunto per Mps per 3/4 miliardi. Lo vuole il Gualtieri, tuttavia pare che M5S vuole un limitedi 500 milioni, in pratica sarebbe annullare lefficacia dello strumento.

Chi ci capisce è bravo. Chi vivrà vedrà.

Tre condizioni tre per Mps con Unicredit


Finanziaria 2021: 3 miliardi per Mps + Unicredit

Novembre 13, 2020 - Tempo di lettura: ~1 minuto

Bozza finanziaria 2021: previsione di 3 miliardi potenziali DTA per fusione Mps in Unicredit

Nella bozza della finanziaria 2021 si prevede una norma sulle DTA che (secondo fonti diverse) costituisce uno sconto imposte da 3/4 miliardi se avviene fusione Unicredit+Mps.

Documento originale non reperibile ufficialmente: siamo ancora alla fase delle voci.

"Volli, fortissimamente volli"

dirà Gualtieri quando da vecchio penserà a questi giorni.

Bozza finanziaria 2021: previsione di 3 miliardi potenziali DTA per fusione Mps in Unicredit


Copasir e banche italiane relazione novembre 2020

Novembre 5, 2020 - Tempo di lettura: 2 minuti

Quanto conta l'opinione di Copasir Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica? In altri paesi la sicurezza nazionale è sentita, prescrittiva, in Italia non saprei.

Nella relazione novembre 2020 sul settore bancario si parla bene di Intesa e male di Unicredit. Non poteva mancare Mps.

Le linee guida della logica Copasir sono semplici, banali, comprensibili: valorizzare quel che c'è in Italia, non cedere asset agli stranieri, al contrario proiettare aziende italiane all'estero, e naturalmente va bene banche che comprano btp.

E dato che i relatori sono Borghi (PD) e Castiello (M5S) a questo punto c'è da chiedersi chi è che rappresenta che cosa, e se Gualtieri sta dentro a un partito oppure fa quel che gli pare.

C'è chi dice che l'affaire Unicredit-Mps non sia cosa vera. Il Copasir ha rilevanti poteri conoscitivi in pratica può sentire i responsabili dei servizi segreti nazionali e interrogare chi vuole. Se la relazione da rilevanza a questa storia su Mps, allora probabilmente le loro fonti informative sono le stesse news disponibili per tutti.

https://parlamento18.camera.it/220

[05/11/2020 Relazione sulla tutela degli asset strategici nazionali nei settori bancario e assicurativo](05/11/2020 Relazione sulla tutela degli asset strategici nazionali nei settori bancario e assicurativo)

Estratto da relazione banche 05/11/2020 parte A

Estratto da relazione banche 05/11/2020 parte B


Montepaschi novembre 2020: Gualtieri vs Ruocco vs altri

Novembre 1, 2020 - Tempo di lettura: ~1 minuto

Come si dice a Siena, "fò per vede' se ho capito":

  • Unicredit-Mustier dice "no grazie" e Mef-Gualtieri che cerca tutte le strade per dargli Mps (Padoan presidente, DTA, altri soldi ...): non convincente.
  • Ipotesi Unicredit = 3000 esuberi, su filiali consedenti e sedi direzionali di Siena e Firenze: che botta per i centri del potere!
  • Rischi per cause giudiziarie: dieci miliardi, in crescita.
  • Dovrebbe avvenire un aumento capitale fino a 2,5 miliardi: ipoteticamente tutto a carico del Mef.
  • In ogni caso se Mef vende dismette la propria quota ci perde: fino a dieci miliardi
  • Piano B la nazionalizzazione, piace a M5S ma è stata di fatto esclusa da recente decreto per le modalità di uscita 2021: PD e M5S non vanno d'accordo.
  • Ruocco, M5S presidente di Commissione Banche parla di nazionalizzare la banca e anche di spezzettarla in modo creativo.
  • I sindacati, che contano meno di tutti, ci hanno paura di Unicredit e dello Ruocco mentre gli garberebbe la nazionalizzazione, ma sanno che possono chiederla solo in modalità temporanea.

Che confusione!

https://www.radiosienatv.it/mps-fusione-unicredit/